News

Redditometro Crociata Contro I Ricchi

Articolo inserito il 27/01/2013

Il vicedirettore Di Capua che condanna i 120 miliardi di evasione fiscale dice che il reddutometro non è una crociata contro i ricchi ma forse sono scandalosi i 120 miliardi di evasione fiscale. E' quanto afferma il vicedirettore dell’Agenzia delle Entrate Di Capua nel corso del convegno di studio sul nuovo redditometro, organizzato dall'Ordine dei commercialisti di Roma e dall'Accademia Romana di ragioneria.
Inoltre il vicedirettore Di Capua sostiene che il redditometro “non è una crociata contro la ricchezza”, ma servirà a colpire l'evasione “spudorata”. Con il nuovo strumento si misurerà solo la corrispondenza tra reddito dichiarato ed entità della spesa, o “reddito consumato”.


Riccometro. È La Retroattività Il Vero Problema

Articolo inserito il 27/01/2013

Il testo del DPCM sul riccometro introduce la pericolosa clausola di retroattività fino a tre anni. Neanche il tempo di prendere confidenza con le nuove modalità di calcolo utili per determinare il reddito delle famiglie italiane, che spunta immediatamente un problema sostanziale. Il nemico numero uno per i cittadini italiani è la retroattività”. Infatti, il riccometro presenta una insidiosa retroattività sulle donazioni di immobili precedenti alla richiesta di assistenza in una struttura sanitaria (Rsa).


Spese Legali Indetraibili

Articolo inserito il 25/01/2013

La Suprema Corte di Cassazione,Sezione Tributaria, nella sentenza n. 23089 del 14 dicembre 2012 ha stabilito che è inapplicabile il disposto dell’articolo 1720, secondo comma,del C.C. sul rimborso delle spese al mandatario, poiché non si tratta di attività funzionale al
perseguimento dell’oggetto sociale, quanto piuttosto di attività che nel mandato trova soltanto la sua occasione. Conseguentemente la società di capitali non può portare in detrazione le fatture emesse dall'avvocato che ha assunto la difesa del legale rappresentante processato con l'accusa di corruzione. Ciò anche se il manager è stato
assolto. Sull’ente possono gravare solamente le spese sostenute dall'amministratore per attività svolte a causa del mandato tra le quali non rientra l'illecito penale.


Firma Sugli Avvisi Di Accertamento

Articolo inserito il 25/01/2013

Il problema dell’invalidità degli avvisi di accertamento non firmati è stato più volte affrontato e deciso dalla Corte di Cassazione, che ha stabilito importanti principi che in questa sede si intendono sottolineare. L’art. 42 del D.P.R. n. 600 del 29/09/1973 e successive modifiche e integrazioni stabilisce al primo comma che: gli avvisi di accertamento in rettifica e gli accertamenti d’ufficio sono portati a conoscenza dei contribuenti mediante la notificazione di avvisi sottoscritti dal capo dell’Ufficio o da altro impiegato della carriera direttiva da lui delegato.


Proroga A Luglio Per Versamento Tares

Articolo inserito il 25/01/2013

È stato approvato definitivamente il decreto sui rifiuti(D.L. 1/2013). E'confermato altresì l’articolo 1-bis introdotto al Senato che prevede il posticipo per il solo 2013 del versamento della prima rata della TARES a luglio prossimo. Per la TARES, disciplinata dall’articolo 14
comma 35 del D.L. 201/2011, ed entrata in vigore il 1° gennaio 2013, inizialmente il versamento era stato fissato a gennaio, poi spostato dalla Legge di Stabilità ad aprile, e ora previsto per luglio.Ogni Comuni ha comunque la facoltà di posticipare ulteriormente tale pagamento.


Affrancamento Dell’avviamento Emergente

Articolo inserito il 24/01/2013

L' Affrancamento dell’avviamento emergente da operazioni
straordinarie è dettato dall'articolo 23, commi da 12 a 15, del DL n. 98/2011 che aveva previsto la possibilità di riallineare i valori fiscali e civilistici relativi all'avviamento e alle altre attività immateriali. La Legge di Stabilità 2013 apporta delle modifiche in tema di riallineamento fondamentali che posticipa l'effettiva rilevanza fiscale dell'affrancamento, con il rischio di veder svanire il vantaggio fiscale che aveva giustificato l'operazione.


Redditometro

Articolo inserito il 24/01/2013

La questione del Redditometro 2013 è salita alla ribalta di tutti i massa media italiani. L'Agenzia delle Entrate ha reso noto che con tale strumento i controlli annuali saranno 40.000 e che non saranno presi in considerazione gli scostamenti tra spese e reddito dichiarato pari a mille euro al mese, vale a dire per 12 mila euro in 365 giorni.
Con i nuovi strumenti messi a punto dall'Agenzia delle entrate è indispensabile dimostrare quanto effettivamente percepito in caso di accertamento fiscale.
Meglio quindi avere un'idea chiara delle pezze giustificative da esibire, degli scontrini da conservare, della documentazione da tenere aggiornata.


Il Bonus Del 3% Si Applica Sullo Stock Di Due Anni

Articolo inserito il 24/01/2013

Il decreto Salva Italia ha introdotto l'incentivo alla ricapitalizzazione che le imprese tengono conto per gli accantonamenti a riserva e versamenti dei soci effettuati sia nel 2011 che nel 2012.
Le regole sono sostanzialmente quelle utilizzate lo scorso anno ma le imprese che continuano a trattenere gli utili o a ricevere apporti dei soci fruiranno di un valore generalmente incrementato, se non raddoppiato.Il nuovo ammontare su cui applicare il 3% terrà quindi conto della base Ace che si è formata nel 2011 e degli ulteriori incrementi realizzati nel corso del 2012.
Nei calcoli del 2012 comincia a farsi più rilevante anche l'impatto delle riduzioni. Inoltre, trovano applicazione, sempre su base biennale, anche le numerose sterilizzazioni antielusive, che riducono la base dell'agevolazione in modo definitivo.


Movimenti Bancari Sospetti: Ammesso Il Sequestro Preventivo

Articolo inserito il 23/01/2013

La Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 1261/2013 conferma che le operazioni sospette sui conti correnti bancari legittimano l'accertamento fiscale e anche il sequestro del denaro nell'inchiesta per l'evasione fiscale.
Queste prove raccolte presso gli Istituti di credito, nel caso in cui il contribuente sottoposto a verifica non fornisca la prova contraria rispetto alla contestazione, costituiscono da sole la prova dell'infrazione tributaria.
Nella fase cautelare i movimenti sospetti, pur non potendo da soli far scattare la responsabilità penale per evasione fiscale, possono far scattare il sequestro del denaro. Comunque per far venie meno questa misura cautelare il contribuente deve addurre elementi contrari giustificando il prelievo o il versamento.


Chiarimenti Relativi All'uso Del Redditometro

Articolo inserito il 23/01/2013

L'Agenzia delle Entrate rilascia un comunicato stampa destinato a chiarire sull'utilizzo del redditometro sui soggetti titolari della sola pensione. Si specifica chi il pensionato titolare di sola pensione non sarà mai selezionato dal nuovo dispositivo accertativo, strumento da utilizzarsi per l'individuazione dell'evasione ritenuta maggiormente deplorevole dal comune sentire.